Il sogno ( o Visione ) di Costantino

Scritto da: -

Pierodellafrancescasognocostantino … E invece…

Invece, Sogno o Visione ?

Cerchiamo allora di ricostruire la notte di quel 27 ottobre 312. (magari, detto per inciso, Bruno ci aiuterà pure a far riapparire con il suo magnifico programmino astronomico il cielo di quella notte).

Una notte che è stata già raccontata dal sublime Piero della Francesca nell’affresco qui a lato, che fa parte del memorabile ciclo "Leggenda della Vera Croce" nel Duomo di Arezzo, uno dei capolavori dell’arte di tutti i secoli.

Allora: le truppe di Costantino, provenienti dal Nord Italia, dopo numerose vittorie e la cattura del prefetto del pretorio di Massenzio, arrivano alle porte di Roma, si accampano sulla Via Flaminia, preparandosi all’idea di un lungo assedio. Tutto lascia pensare infatti che Massenzio terrà il suo esercito all’interno delle Mura Aureliane e si preparerà a resistere ad oltranza.

Invece, contro ogni previsione e spregio delle norme elementari di strategia bellica, Massenzio deciderà inspiegabilmente di affrontare l’esercito di Costantino in campo aperto, predisponendosi ad una sicura disfatta.

E’ bene sottolineare che la celebre Battaglia denominata di Ponte Milvio, prese il suo nome dal luogo dove essa finì, e cioè laddove le truppe di Massenzio, costrette a ripiegare, si trovarono di fronte il fiume, trovando la morte - lo stesso Massenzio - tra i flutti del Tevere.

In realtà la Battaglia di Ponte Milvio cominciò qualche chilometro prima, sul percorso dell’attuale (e dell’antica) Via Flaminia e cioè nella zona nota come SAXA RUBRA, proseguendo poi per i restanti 7 km, più o meno, fino al Ponte.

Ma torniamo alla Visione.   Dunque, le truppe sono accampate, si aspetta solo il clangore della Battaglia.  Il giorno prima, e quindi il 27 ottobre, ecco l’evento, che ha due fonti storiche principali.

La prima, molto succinta, raccontata da Lattanzio (Sulla morte dei Persecutori, 44, 3-5). Leggiamo il brano:

Costantino fu esortato in sogno a far contrassegnare gli scudi dei suoi soldati con i segni celesti di Dio e a iniziare quindi la battaglia. Egli fece così e, girando e piegando su se stessa la punta superiore della lettera greca (X), scrisse in forma abbreviata CRISTO sugli scudi.

La seconda fonte, molto più dettagliata, è quella di Eusebio di Cesarea, biografo di Costantino (Vita di Costantino, I - 25-30). Leggiamo:

Nell’ora in cui il sole è a metà del suo cammino, quando il sole comincia appena a declinare, disse (Costantino, ndr) di aver visto con i propri occhi in pieno cielo e al di sopra del sole, il segno luminoso di una croce, unita alla quale c’era una iscrizione: "Con questa vinci". A causa di questa visione un grande sbigottimento si impadronì di lui e di tutto l’esercito, che lo seguiva nel viaggio, e che fu spettatore del miracolo. Raccontava che molta era la sua incertezza sulla natura di questa apparizione. Mentre rifletteva e pensava sull’accaduto, sopraggiunse veloce la notte. Allora gli si mostrò in sogno Cristo, figlio di Dio, con il segno che era apparso in cielo e gli ingiunse di costruire una immagine simile a quella del segno osservato in cielo e di servirsene come difesa nelle battaglie contro i nemici. Non appena spuntò l’alba, si levò e raccontò agli amici tutto l’arcano.

Le due versioni, dunque, come si vede, differiscono:  Nella prima abbiamo soltanto un sogno. Nella seconda una visione, in pieno giorno, più un sogno.

Il sogno c’è in tutte e due le versioni.  E in tutte e due le versioni c’è quel segno, che anche Piero della Francesca ha inserito nella mano dell’angelo, bellissimo particolare, che scende dall’alto del cielo, a sinistra nel dipinto. Purtroppo la qualità dell’immagine non permette di vedere bene l’indice alzato, e la piccola croce che spunta.

Ma quel che ci interessa è che dunque Costantino fu esortato (secondo il suo racconto, riferito da Eusebio, che ripetiamolo visse accanto a lui per molti e molti anni, e secondo il racconto di Lattanzio), a fornire gli scudi dei suoi uomini, di un particolare SEGNO, e cioè quel famoso LABARUM, del quale abbiamo già accennato.

Ma cos’era, esattamente questo LABARUM ? Com’era fatto ? E dove avvenne esattamente questa Visione, o questo Sogno che secondo il racconto delle fonti e della tradizione, cambiò il corso della Storia ?

Continuiamo domani…

Ciao a tutti,

Fabrizio Falconi

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su Il sogno ( o Visione ) di Costantino

    Posted by:

    non ho mai letto la storia con un interesse ed un\'attenzione maggiori...sei un extra-ordinario blogger! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su Il sogno ( o Visione ) di Costantino

    Posted by:

    Ti sembra cristiano combattere una battaglia per impossesarsi dell\'Impero Romano? Perchè il Dio dei Cristiani, che io ho sempre sentito raccontare come amante della pagina, doveva schierarsi con uno dei contendenti in una battaglia che si concluse con una carneficina? Comunque molti dicono che furono i simboli del Dio Mitra a essere dipinti sulle armi, mi sarebbe piaciuto che almeno una postilla riportasse questa osservazione. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 3 su Il sogno ( o Visione ) di Costantino

    Posted by:

    oh, ecco qua gilgalad...ne sentivamo la mancanza ;-) Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 4 su Il sogno ( o Visione ) di Costantino

    Posted by:

    A Gilgalad: non abbiamo mica finito di parlare di Costantino. Del \'Labarum\', cioè del segno, parleremo domani, come ho scritto. In quanto al Dio dei Cristiani, dovremmo anche chiederci perchè il Dio dei Cristiani, o qualunque Dio abbia consentito che nei lager nazisti siano stati sterminati 5 milioni di ebrei innocenti, omosessuali e dissidenti. E\' una questione non da poco. Sulla quale sono stati scritti qualche milione di libri. F. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 5 su Il sogno ( o Visione ) di Costantino

    Posted by:

    Ah... dimenticavo di ringraziare Philos (come al solito)! F. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 6 su Il sogno ( o Visione ) di Costantino

    Posted by:

    La questione non è \"perchè abbia consentito lo sterminio degli ebrei\". Cioè sul perchè Dio permette il male (ci sono molte risposte anche i cristiani hanno provato a dare qualche risposta, vedi Agostino e simili).Il problema è perchè il Dio dei cristiani si SCHIERA in una battaglia. Gesù rimprovera San Pietro che taglia un orecchio del sommo sacerdote per difenderlo, perchè dovrebbe partecipare alle guerre civili di Roma? Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 7 su Il sogno ( o Visione ) di Costantino

    Posted by:

    non mi pare che Fabrizio scriva in veste di teologo, il suo blog si occupa appunto dei \'misteri\' della religione p.s. non sono poi così sicura che l\'orecchio suddetto appartenesse al sommo sacerdote Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 8 su Il sogno ( o Visione ) di Costantino

    Posted by:

    beh in effetti, non del sommo sacerdote si tratta, ma di un soldato o guardia che dir si voglia... Comunque a parte questo, mi sembra che Gilgalad tema che io propugni un Dio guerriero. Me ne guardo bene. E comunque le guerre le fanno gli uomini. Decidono di farle gli uomini. In quanto che Dio, almeno il Dio com\'è inteso dai Cristiani, ha lasciato agli uomini il libero arbitrio. Ciò non toglie che Egli (Dio) possa essere interessato a che il piano degli uomini vada in una direzione piuttosto che in un\'altra. Ma del resto che ne sappiamo noi? Questo blog non ha la presunzione di interpretare il pensiero di Dio. Ci limitiamo a indagare qualche piccolo mistero. F. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 9 su Il sogno ( o Visione ) di Costantino

    Posted by:

    Scusate per l\'errore, era il SERVO del sommo sacerdote... Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 10 su Il sogno ( o Visione ) di Costantino

    Posted by:

    a proposito di Dio e dell\'uomo, qualche parola di (kevelodicoafa\'?) Gibran: \"E\' bello parlare di Dio all\'uomo. Non possiamo comprendere appieno la natura di Dio perchè non siamo Dio, ma possiamo preparare la nostra coscienza a capire e crescere attraverso le visibili espressioni di Dio\" \"Dio non tollera di essere nascosto all\'uomo, né che la sua parola giaccia sepolta nell\'abisso del cuore umano\" \"Rendere lode a Dio significa cantare inni a sè stessi\" Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 11 su Il sogno ( o Visione ) di Costantino

    Posted by:

    hasemplicemente visto una meterora p o una stella cadente Scritto il Date —

 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Mysterium.blogosfere.it fa parte del canale Blogo News di Blogo.it Srl socio unico - P. IVA 04699900967 - Sede legale: Via Pordenone 8 20132 Milano