Trapanazione del cranio: due teschi trovati in Spagna

Scritto da: -

la macabra usanza, che veniva fatta per i motivi più disparati da quelli per scopi di salute a quelli legati alla superstizione, non si è limitata al passato. I due crani ritrovati in un eremo a Soria in Spagna, risalgono al medioevo.

trepanation.jpg

Fin dall’inizio del Neolitico diecimila anni fa, la trapanazione del cranio ha fatto parte della storia umana.

Questa pratica, che durante l’Egitto faraonico era diventata un’arte di alto profilo cadde in disuso nel Medioevo ma, evidentemente non del tutto: due crani forati di un uomo e una donna, sono stati infatti trovati in un eremo di Soria in Spagna.

I due crani rinvenuti durante gli scavi presso la necropoli dell’eremo di San Miguel, sono collocabili tra il XIII e il XIV secolo.

La biologa Belen Lopez Martinez dell’universita’ di Oviedo ha deciso di approfondire le circostanze della morte di entrambi, dal momento che esistono pochi casi di perforazione documentati nella penisola iberica nel Medioevo e oltre.

La ricerca e’ stata pubblicata su Anthropological Science. “Il cranio del maschio di eta’ tra i 50 e i 55 anni - ha spiegato Lopez Martinez - presenta un foro perfetto: riteniamo che l’uomo abbia subito un infortunio alla testa, forse provocato durante le attivita’ militari che erano comuni sulle rive del Duero, e subito dopo e’ stato sottoposto ad un intervento chirurgico senza successo. Quando e’ stato perforato probabilmente era gia’ morto”.

Un caso storico di perforazione in Spagna fu quello di Re Enrico I di Castiglia (1204-1217), al quale cercarono di fermare una emorragia cerebrale attraverso il metodo.  

“Il cranio della donna - ha continuato Lopez Martinez - e’ piu’ sorprendente perche’ la pratica veniva effettuata sugli uomini principalmente. Dei ritrovamenti in genere solo il 10 per cento riguarda teschi femminili donne. Nel caso in questione, la paziente, sui 45 anni, e’ sopravvissuta settimane forse anche mesi all’intervento, perche’ il foro risulta completamente chiuso da uno strato sottile di osso”.

fonte AGI

Erano diverse le ragioni che portavano alla perforazione, motivi magico-religiosi, come scacciare i demoni o per riti di iniziazione all’eta’ adulta, e ancora per scopi terapeutici e trattamenti contro i tumori, convulsioni, epilessia, emicrania”.

fonte AGI

Vota l'articolo:
3.83 su 5.00 basato su 6 voti.  
 
 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Mysterium.blogosfere.it fa parte del canale Blogo News di Blogo.it Srl socio unico - P. IVA 04699900967 - Sede legale: Via Pordenone 8 20132 Milano