Ritrovato in Israele il tesoro di Bar Kokhaba

Scritto da: -

140 monete d'oro e d'argento e una stupenda raccolta di gioielli di bellissima fattura: uno splendido tesoro riemerge dalla polvere di millenni a 50 chilometri da Tel Aviv

07-08.jpg

Centoquaranta monete d’oro e d’argento e una raccolta gioielli di squisita fattura: questo il piccolo tesoro che e’ emerso tra i reperti trovati dagli archeologi israeliani vicino a Kiryat Gat, a 56 km a sud di Tel Aviv.

La scoperta e’ stata annunciata dalla Israel Antiquities Authority, come riferisce Israele.net citando la stampa israeliana. I gioielli, che si ritiene risalgano all’epoca della rivolta antiromana di Bar Kokhba (tra il 132 e il 135 d.C.), erano stati probabilmente nascosti da una donna facoltosa negli anni della ribellione.

Durante gli scavi fra le stanze di un edificio di epoca romana e bizantina, i ricercatori hanno scorto nel cortile una buca che era stata evidentemente scavata e poi riempita.

E’ qui che, con loro grande sorpresa, gli archeologi hanno trovato il tesoro, avvolto in un pezzo di tessuto di cui sono rimasti solo dei brandelli.

Oltre alle monete, i reperti comprendono orecchini a forma di fiore, un anello con una pietra preziosa e inciso il sigillo di una dea alata, due bastoncini d’argento probabilmente, secondo il direttore degli scavi, l’archeologo Emil Aladjem, utilizzati per uso cosmetico.

“Le monete rinvenute risalgono ai regni degli imperatori romani Nerone, Nerva e Traiano, che governarono l’impero romano dal 54 al 117 a.C. - spiega Aladjem - Le monete sono decorate con le immagini degli imperatori e sul rovescio vi sono ritratti di culto dell’imperatore, simboli della fratellanza dei guerrieri, divinita’ mitologiche come Giove seduto su un trono o che impugna un fulmine”.

Saar Ganor, archeologo del distretto di Ashkelon e del Negev occidentale per la Israel Antiquities Authority, afferma che la collezione era stata nascosta probabilmente per metterla al sicuro, ma poi, per qualche motivo che non conosciamo, mai piu’ recuperata.

fonte Adnkronos

“La composizione dei reperti numismatici e la loro qualita’ - spiega Ganor - corrispondono ad altri tesori attribuiti al periodo della rivolta di Bar Kokhba (132-135 a.C.) Qui abbiamo trovato monete d’argento e d’oro di diverso valore, per la maggior parte risalenti al regno di Traiano. Con ogni probabilita’ - continua l’archeologo - ci siamo imbattuti in un nascondiglio d’emergenza usato, all’epoca in cui incombeva il pericolo, da una donna abbiente che avviluppo’ i suoi gioielli e il denaro in un pezzo di stoffa e li nascose sotto terra, prima o durante la rivolta di Bar Kokhba - dichiara Ganor - Ora sappiamo che la proprietaria non e’ mai tornata a riprenderli”. I reperti sono al momento affidati al Dipartimento Trattamento Manufatti della Israel Antiquities Authority, a Gerusalemme.

fonte Adnkronos

Vota l'articolo:
3.98 su 5.00 basato su 52 voti.  
 
 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Mysterium.blogosfere.it fa parte del canale Blogo News di Blogo.it Srl socio unico - P. IVA 04699900967 - Sede legale: Via Pordenone 8 20132 Milano