Svelato l'enigma della statua di Vienna, dentro perfino un omaggio ai nazi

Scritto da: -

Spuntano fuori due lettere scritte nel 1935 e sepolte in una 'capsula del tempo' sotto la statua del milite ignoto nella Heldenplatz di Vienna: documenti straordinari, secondo i ricercatori che da tempo le stavano cercando.

WienBrief.jpg

Fino ad oggi erano solo voci, mai confermate:  ’nella statua c’e’ qualcosa…’.

Dopo anni di incertezze si’ scoperto che il mito era vero: sotto la scultura del milite ignoto, l’opera di Wilhelm Frass che si trova nella Heldenplatz di Vienna, sono state trovate due lettere scritte nel 1935.

In una e’ contenuto un omaggio al nazionalsocialismo, nell’altra un messaggio di pace.

E cosi’ finalmente si e’ risolto un enigma, alimentato da alcuni indizi forniti dalla letteratura scientifica, che pero’ non erano mai stati verificati.

Le due missive sono rimaste nascoste per ben 77 anni in una capsula metallica collocata sotto la statua del “guerriero caduto”.

E sono state ritrovate grazie a un intenso lavoro di equipe: hanno collaborato restauratori, storici, un notaio, ed il ministero della Difesa.

Nella capsula sono stati quindi trovati due documenti inediti, datati aprile 1935. “Possiamo parlare di una scoperta sensazionale”, ha detto orgoglioso in conferenza stampa il ministro della Difesa Norbert Darabos, commentando il ritrovamento.

La lettera attribuita allo stesso Willhelm Frass contiene un omaggio al nazionalsocialismo, e parla della ‘forza infinita del popolo tedesco’.

fonte ANSA

La seconda potrebbe essere stata scritta da Alfons Riedel, forse un aiutante dello scultore. Descrive il sogno che alle generazioni future “non sia piu’ necessario fare monumenti per i caduti”. I due documenti saranno esaminati e consegnati al museo storico dell’esercito.

fonte ANSA

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 3 voti.