Profezia Maya 2012: una mostra per sbugiardare la leggenda

Una mostra ad Alessandria in programma da domani "smitizza" la profezia riproponendo tutti gli errori più bizzarri del passato.

Maya.jpg


Tutto falso, a cominciare dalla tradizionale rappresentazione del calendario Maya, "la famosa immagine circolare che invece e' un manufatto azteco".


Per ironizzare e riflettere sulle paure legate all'annunciata 'fine del mondo' per il 21 dicembre prossimo, ad Alessandria apre i battenti la mostra tematica 'Dicembre 2012 - E alla fine, ci salveranno gli alieni?', in programma da domani, venerdi' 4 al 27 maggio.


"Sedicenti profeti, apocalissi annunciate, catastrofi sventate e interferenze con altri mondi. Quella del 2012 -sottolineano gli organizzatori- e' solo l'ultima di una lunga serie di profezie sulla fine del mondo.


Sono innumerevoli gli annunci riproposti in passato sui giornali, in Tv e, da qualche anno, su internet all'approssimarsi di date 'sospette'.


Anche in citta' sono apparsi grandi manifesti che fanno riferimento all'apocalisse prossima".


Per esorcizzare i timori legati alla data 'fatidica', sorriderne un po' e nel contempo rifletterci sopra, il Centro Italiano Studi Ufologici (Cisu) propone la mostra presso il Museo Etnografico "C'era una volta" di Piazza della Gambarina.


La mostra, dice all'Adnkronos il curatore della rassegna Paolo Toselli, responsabile del Cisu, ospitera' anche "una rassegna di tutte le varie apocalissi mancate.


Dalla prima profezia sballata, quella del 992, quando l'eremita Bernardo di Turingia preconizzo' la fine del mondo per il 25 marzo, data in cui coincidevano il Venerdi' Santo e un'eclisse di sole, fino a quella del 14 luglio 1960, quando i seguaci del 'fratello Emman' predissero il diluvio universale rifugiandosi sul Monte Bianco".


Il percorso espositivo, sottolinea Toselli, "e' stato ideato proprio per far emergere una realta' inconfutabile, vale a dire che previsioni apocalittiche di questo tipo vengono fatte da secoli e che da secoli sono poi puntualmente smentite dai fatti".


La mostra propone un viaggio "dal misterioso pianeta Nibiru al calendario Maya, dalle visioni profetiche ai messaggeri di catastrofi, passando per le mancate Apocalissi dei tempi antichi e le moltelici "guerre dei mondi" della cultura popolare, sino alla colonizzazione della Terra da parte di fantomatici alieni come evocato dal telefilm X-Files.


fonte adnkronos

E per i piu' curiosi -viene rilevato- l'appuntamento prosegue venerdi' 11 maggio, alle ore 21, sempre presso il Museo Etnografico "C'era una volta", per la conferenza:"L'Apocalisse: 2012 fine del gioco?"', con Danilo Arona, Gian Maria Panizza e lo stesso Toselli.


fonte adnkronos

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO