Bosone di Higgs: ci siamo !

Scritto da: -

Ormai p certo, i fisici del Cern sono sicuri al 99% di aver centrato l'obiettivo di aver trovato la sfuggente "particella di Dio" teorizzata da Higgs 48 anni fa.

lhc.jpg

I fisici del Cern ritengono di aver trovato il bosone di Higgs, la cosiddetta ‘particella di Dio‘, che rende possibile che ogni cosa abbia una massa.

Secondo quanto rivela il britannico Mail on Sunday l’annuncio ufficiale sara’ dato mercoledi’ 4 luglio a Ginevra in Svizzera, sede dell’acceleratore di particelle piu’ grande del mondo, il Large Hadron Collider (Lhc,) utilizzato per scovare il bosone.

I fisici sono sicuri al 99,99% di aver centrato l’obiettivo di trovare la piu’ sfuggente particella subatomica, la cui esistenza venne ipotizaata la prima volta 48 anni fa dal professore Peter Higgs dell’universita’ di Edimburgo, che sara’ presente alla conferenza stampa.

FONTE AGI

Secondo il domenicale l’elusivita’ del bosone di Higgs e’ confermata dal fatto che malgrado nell’Lhc siano state effettutato 1,6 trilioni (mille miliardi) di collissioni sono state trovate le tracce di meno di 300 potenziali particelle.

FONTE AGI

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su Bosone di Higgs: ci siamo !

    Posted by:

    Contrariamente a quanto la scienza ancora crede, al tempo del Big Bang non esistevano atomi ma solo onde che trasportavano energia nell’infinito Vuoto. Se potessimo osservare l’Universo dal di fuori, Esso apparirebbe come una nebulosa a forma di cerchio schiacciato e percorsa all’interno di sé da un vento continuo. L’energia e’ come quel vento perpetuo che percorre la nebulosa a velocità massima sconfinando ed allargando sempre il perimetro dell’Universo. L\'Universo continua ad espandersi perche’ quelle onde che viaggiano ai confini dell’Universo non hanno mai incontrato (e non incontreranno mai) alcuna interferenza dal Vuoto. Le onde continueranno sempre ad espandere lo Spazio dell’Universo che creano e lasciano dietro di loro. Il comportamento delle onde e\' in relazione al medium entro il quale esse viaggiano.Per cui il comportamento delle onde ai confini dell’Universo e’ diverso dal comportamento delle onde all’interno dell’Universo. All’interno dell’Universo le onde cambiano le loro frequenze a causa di collisioni con altra energia durante i loro percorsi. Queste onde, a causa delle interferenze incontrate, continuano a trasformare parte della loro originale energia in altre forme. Le onde viaggiano liberando gradualmente calore, ossia quantita’ di energia, e le loro bande originalmente corte, diventano sempre più lunghe, trasportando sempre meno energia di quando hanno originalmente iniziato a viaggiare. Queste onde perdono energia emettendola in forma di altre onde con bande sempre più ampie delle loro. Ad esempio, i raggi gamma, col passare del tempo, diminuiranno il loro livello di energia (e la loro frequenza) per diventare raggi X, da raggi X diverranno ultravioletti e cosi’ di seguito. Il quantum originale non e’ perso ma semplicemente distribuito in altre forme di energia attraverso una \"rottura spontanea di simmetria\". Raggiunta una longitudine quasi piatta (ed un livello critico di minore energia), le onde solidificano in atomi d’idrogeno dividendo la loro energia in elementi opposti, come fossero la punta di un capello rotto. www.wavevolution.org Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su Bosone di Higgs: ci siamo !

    Posted by:

    un piccolo passo x la scienza..un grande passo x l umanità... Scritto il Date —