Tornano i tre topi da un lungo viaggio spaziale e ora.. "raccontano" !

Scritto da: -

E' il più lungo viaggio spaziale mai effettuato da animali: ben 91 giorni sono rimasti in orbita tre topolini sulla Stazione Internazionale Orbitante. Le informazioni ricavate serviranno molto per la salute degli astronauti nello spazio.

 54986main_mouse_med.jpg

Tre topi da poco ritornati dal piu’ lungo viaggio per un animale passato nello spazio potrebbero essere rivelarsi utili per proteggere la salute degli astronauti.

Lo rivela un nuovo studio pubblicato sulla rivista PLoS ONE frutto della collaborazione di numerosi ricercatori italiani.

I tre topi, che hanno passato 91 giorni a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, sono stati analizzati approfonditamente per comprendere gli effetti della permanenza prolungata nello spazio per gli organismi viventi.

I ricercatori dell’Universita’ di Genova hanno scoperto che i follicoli sulle tiroidi dei topi spaziali sono tutti piu’ o meno delle stesse dimensioni, a differenza di quanto avviene sulla terra, e che ci sono piu’ recettori per gli ormoni che stimolano la tiroide.

Tutto questo suggerirebbe che la permanenza nello spazio possa rallentare l’invecchiamento della tiroide.

Un team di ricercatori dell’Universita’ di Milano, invece, ha confermato che la permanenza nello spazio puo’ causare anemia, con un calo del 10 per cento dei globuli rossi e del volume del plasma sanguineo.

Ma il team suggerisce che una dieta di antiossidanti possa contrastare gli effetti della radiazione spaziale alla base di questa anemia. Altri centri di ricerca, tra cui l’Istituto di Medicina Molecolare di Padova, si sono invece dedicati all’analisi di altri fattori, come gli effetti della radiazione spaziale sull’apparato riproduttivo o dell’assenza di gravita’ sul tono muscolare e la struttura ossea.

fonte AGI

“Tutte queste informazioni saranno molto utili per prevedere e prevenire eventuali problemi di salute per gli astronauti in missione prolungata nello spazio”, hanno concluso gli autori.

fonte AGI

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!